Home - 2020 - Oktober

Monat: Oktober 2020

Companies with shares in the American stock market have 6.7 billion in bitcoin

Posted on Oktober 2020 in Bitcoin

More than $6.7 billion in Bitcoin is now owned by publicly traded companies, including U.S. software giant MicroStrategy; asset manager Galaxy Digital and the payment processing platform of Jack Dorsey, Square. The data is from Bitcoin Treasuries.

This amount includes some companies that hold bitcoin on behalf of their investors, such as investment manager Grayscale.

The amount has increased in recent weeks, with new investments from Microstrategy and Square. The trend signals increased interest in bitcoin as a value reserve and a hedge during economic uncertainty – both by publicly traded companies and individual investors.

Currently, with 38,250 BTC (US$ 445 million),rategy owns more bitcoin than any other listed investor, besides Grayscale.

Binance adds Real to the platform and starts trading pairs with bitcoin and dollar
1000 bitcoins mined in 2010 were moved for the first time
Ports Trader bomb on YouTube, but clients ask for money back in Reclame Here

Microstrategy’s holdings also mean that the company’s shareholders – which include BlackRock, Vanguard and Norway’s Oil Fund – are now indirectly exposed to bitcoin.

Not only that, but the investment also means that each citizen in Norway now indirectly owns some bitcoin, as the government of the country holds a 2% stake in the corporation.

Bitcoin Treasuries provides a complete list of publicly traded companies that own Bitcoin. This shows that a total of 13 entities hold 2.85% of the total Bitcoin offer.
Open capital companies that have Bitcoin.

Square is the most recent in the list. Owner Jack Dorsey, CEO of Twitter, a long time cryptomoeda defender, announced last week that his company had acquired US$ 50 million in bitcoin.

„More important than Square investing $50 million in #Bitcoin is sharing how we did (so that others can do the same),“ tweeted Dorsey, with a link to Square’s investment white paper.

In recent months, bitcoin investment by digital asset management company Grayscale has made headlines. But while the company is publicly traded, its clients are the real buyers of BTC

But the impressive US$ 5 billion that the company holds in Bitcoin are still included in the calculation on Bitcoin Treasuries site – although below a dividing line – next to other asset managers, such as Coinshares.

Looking at the general panorama, all except one of the open capital companies that has Bitcoin saw the value of its investment increase, at least at current prices.

Square trasferisce 50 milioni di dollari di riserve aziendali a Bitcoin

Posted on Oktober 2020 in Optimierung

Quest’anno l’adozione della crittografia monetaria da parte delle istituzioni è stata in crescita, con le aziende che hanno spostato un maggior numero di attività verso la crittografia. L’ultima azienda a saltare su questo treno è Square, il processore di pagamento diretto dal fondatore di Twitter Jack Dorsey.

Scommettere di più su Bitcoin
In data odierna, l’azienda della Silicon Valley ha annunciato di aver acquisito 4.709 BTC, per un valore di circa 50 milioni di dollari al momento della stampa. Descrivendo la mossa, Square ha spiegato la sua convinzione che le crittocittà sono uno strumento per l’empowerment economico che permette a tutti di partecipare a un sistema economico senza confini.

Considerando che l’azienda si concentra anche sul miglioramento dell’inclusione finanziaria, l’acquisto delle valute criptate era semplicemente in linea con esso. L’azienda ha aggiunto che i Bitcoins acquistati rappresentavano circa l’uno per cento del suo patrimonio totale alla fine del secondo trimestre.

Square è stata una delle società che ha tratto immenso beneficio dal suo coinvolgimento con le valute criptate. L’azienda di servizi finanziari ha annunciato nel secondo trimestre che ha realizzato 875 milioni di dollari di ricavi dal trading Bitcoin su Cash App, la sua filiale specializzata in crittografia.

Le performance trimestrali hanno mostrato un aumento del 600 per cento dei ricavi e un aumento del 710 per cento del profitto lordo nello stesso periodo del 2019. Anche l’utile lordo è aumentato del 150 percento rispetto al primo trimestre dell’anno. Le attività legate alla Bitcoin hanno rappresentato circa il 2,85 per cento dell’intero profitto pross della società nel trimestre, che si è attestato a 597 milioni di dollari.

Tuttavia, il business Cash App Bitcoin ha anche assorbito 858 milioni di dollari di spese trimestrali, portando il profitto dell’intera divisione a 17 milioni di dollari. Anche gli utenti attivi della Cash App sono ora pari a 30 milioni.

La battaglia delle balene

L’azienda della Silicon Valley sta entrando a far parte di un ampio elenco di aziende per convertire parti significative del loro patrimonio in Bitcoin. Il più importante è stato il fornitore di soluzioni di business intelligence MicroStrategy.

Con sede in Virginia, MicroStrategy ha avuto un’ondata di acquisti nelle ultime settimane. A luglio, il gigante della tecnologia ha confermato in un comunicato stampa di aver convertito la sua base di asset primaria importanza in Bitcoin, acquistando 21.454 BTC per 250 milioni di dollari.

L’azienda ha detto alla Securities and Exchange Commission (SEC) giorni dopo che avrebbe potuto acquistare ancora più asset, e ha mantenuto la promessa quando l’amministratore delegato Michael Saylor ha annunciato l’acquisto di altri 16.796 BTC per 175 milioni di dollari. Con circa 425 milioni di dollari ora in Bitcoin, MicroStrategy si è messa in un’ottima posizione per coprire con l’asset.

Tuttavia, il principale driver istituzionale rimane Grayscale Investments. Grayscale è la più grande società di gestione patrimoniale criptata a livello globale, con oltre 5 miliardi di dollari in gestione. Due settimane fa, i dati della società di crittoanalisi bybt.com hanno confermato di aver aggiunto altri 17.000 BTC alle proprie riserve, ad un prezzo di circa 186 milioni di dollari.

La scala di grigi detiene ora un totale di 449.900 monete in gestione, per un valore di circa 4,9 miliardi di dollari se si prende un BTC per un valore di 10.890 dollari. Ciò significa che la società detiene il 2,4% della capitalizzazione totale del mercato Bitcoin.

L’offerta totale di Bitcoins ha un tetto di 21 milioni di dollari. Con un’offerta circolante di 18,5 milioni, solo circa 2,5 milioni di gettoni BTC sono rimasti al mio. Anche se Grayscale smettesse oggi di acquistare, controllerebbe comunque circa il 2 per cento dell’offerta totale di BTC.

Mt. Gox, the origins: the first bitcoin marketplace

Posted on Oktober 2020 in Bitcoin

Mt. Gox (known as “ Mount Gox ” in English) was the first automated marketplace dedicated to the exchange of bitcoins. Founded in 2010, it has for a long time supported the bulk of the volume of exchange between traditional currencies and bitcoin. The company is known to have gone bankrupt in February 2014 following a chain of hacks and other incidents, and for having taken the funds of its customers. Let’s go back to the beginnings of this platform which occupies a mythical place in the history of Bitcoin Compass.

The creation of Mt. Gox by Jed MCCaleb

In the spring of 2010, the means of acquiring bitcoin were few and not very efficient. There are basically two services for making an exchange. The first is the service offered by the user NewLibertyStandardwho sells bitcoins on the basis of their cost of production by performing all transactions manually. The second is the bitcoinmarket.com platform , launched in March, which connects people to conduct peer-to-peer exchanges.

There is therefore no advanced stock exchange platform that allows automatic order management and that offers sufficient liquidity to obtain a reliable price. It is in this context that the Mt. Gox platform will appear , thanks to the genius of Jed McCaleb.

Jed McCaleb is an American entrepreneur and programmer who was nearing 35 at the time. He is then already known for having co-founded MetaMachine Inc. in 2000, the company that managed the eDonkey2000 peer-to-peer file sharing software in the 2000s. When he discovered Bitcoin through Slashdot on July 11, 2010, he did not He is therefore no stranger to the concept of a distributed network and immediately gets enthusiastic about Satoshi Nakamoto’s invention.

He quickly tries to get some bitcoins, but finds that it is painful to buy some for dollars. Passionate about video games, in 2007 he had developed a platform for buying and selling cards from the online game Magic: The Gathering Online , the latter being derived from the collectible card game Magic: The Gathering . The platform, called Mt. Gox as an acronym for Magic The Gathering Online eXchange and hosted at the address mtgox.com, had been running for about 3 months .

So Jed McCaleb decided, three years later, to use his experience and his domain name to create a marketplace . He set to work on his project hard and, a week later, the platform is operational. Under the pseudonym of mtgox, he writes an ad on the forum saying:

“Hi everyone, I just implemented a new bitcoin exchange platform. Please let me know what you think. ”

Following this announcement, Michael Marquardt ( theymos) asks him “ why [he] would use Mt. Gox and not BitCoin Market “, to which Jed replies:

“[Mt.Gox] is still online, automated, the site is faster and has dedicated hosting and I think the interface is nicer.”

Initially, the platform accepts payments through PayPal. However, due to too many requests chargeback ( chargeback ), Paypal blocks behalf of Jed McCaleb in October 2010, forcing it to suspend the activities of the platform for a month. This prompts him to add Liberty Reserve as a payment method to reopen Mt. Gox . Subsequently, it will also accept on request transfers via Paxum, and bank transfers in dollars (ACH) and euros.

The sale to Mark Karpelès and the success

In November 2010, the price reached 30 cents and remained at this level for the rest of the year. The platform is meeting more and more users, and that’s when Jed McCaleb worries about regulatory repercussions. At this time, the legislation around digital currencies like bitcoin was more than vague and he had to hire a lawyer in New York. In addition, he manages Mt. Gox on his spare time and does not have time to fully manage Mt. Gox.

Jed McCaleb therefore wishes to give the platform to someone else in order to devote himself to his projects. In January 2011, the idea came to him to entrust it to an individual active in the community and with whom he interacts on IRC: Mark Karpelès.

Mark Karpelès (who responds by name MagicalTuxon the Internet) is a talented French developer living in Tokyo, working freelance through his company, Tibanne Co. Ltd. A 25-year-old geek, he emigrated to Japan out of an attraction for the local culture. He discovered Bitcoin at the end of 2010 thanks to a French friend who told him about it. He was immediately interested in digital currency, so much so that he started accepting bitcoin payments for his hosting service on November 8.

Top

BTC Price Shows Resilience Nonostante il dramma di BitMEX e l’hack di KuCoin

Posted on Oktober 2020 in Bitcoin

BTC è attualmente quotata al di sopra del livello di supporto di $10,5K dopo essere scesa brevemente sotto i $10.400. Questo picco si è abbassato sulla scia della notizia che il CFTC ha addebitato ai fondatori di BitMEX la violazione di molteplici regolamenti.

Poco dopo la notizia, i trader hanno liquidato milioni di dollari in BTC, facendo scendere i prezzi. Tuttavia, da allora la coppia BTCUSD ha mostrato un’incredibile resistenza a rimbalzare fino a 10.552 dollari durante il tempo della stampa.

Un altro evento scioccante che normalmente basterebbe a far crollare il mercato dei crittografi si è verificato il 26 settembre, quando il popolare scambio di crittografia Kucoin è stato violato. Nonostante la violazione della sicurezza che ha portato alla caduta di BTC di circa 400 dollari in totale, la moneta del re ha retto sorprendentemente bene.

La recente raffica di notizie estremamente negative nello spazio di criptaggio ha minacciato di far crollare il prezzo di BTC. Tuttavia, l’ammiraglia del cripto non ha subito un massiccio selloff, evidenziando quanto sia stato resistente il supporto a 10.000 dollari finora.

Analista: I timori riguardo a BTC sono fuori luogo

I tori della BTC si sono difesi con successo da ogni significativo svantaggio, nonostante le molteplici notizie a favore dell’orso degli ultimi giorni. Tuttavia, un numero considerevole di commercianti ha ceduto al nervosismo del mercato e ha venduto le proprie monete.

La cessione ha spinto l’analista di catena Willy Woo a notare che il mercato dei cripto-soldi è „spaventato per tutti i motivi sbagliati“.

Mentre parlava delle attuali prospettive della Bitcoin, Woo ha notato che i recenti sviluppi a favore dell’orso potrebbero stimolare la crescita del mercato dei crittografi.

„Fondamentalmente il mercato è spaventato per tutti i motivi sbagliati. Il MEX NON è stato hackerato. Nessun commerciante perderà monete. Le borse dei futures ripuliranno le loro pratiche. Vedremo meno volatilità, meno truffe, più volumi spot, più movimenti organici, più denaro istituzionale“, ha twittato.

L’analista ha anche sottolineato i massicci afflussi di capitale da parte di nuovi investitori, spiegando che le prospettive a medio termine di BTC rimangono forti.

Gocce di gettoni UNI tra i timori normativi

Il gettone dell’UNI di Uniswap è stato colpito in modo particolarmente duro dai recenti avvenimenti nella sfera dei criptoscopi. Dopo aver raggiunto un picco di 8,50 dollari, la coppia UNIUSD è ora scivolata sotto la soglia dei 4,0 dollari.

La decisione della CFTC di addebitare ai fondatori di BitMEX potrebbe aver contribuito a questo declino in quanto alcuni trader temono che le autorità di regolamentazione possano anche prendere provvedimenti nei confronti di DeFi.

Un trader ha persino notato che è „ingenuo“ presumere che i guardiani finanziari alla fine non verranno a cercare le piattaforme di trading DeFi come Uniswap.

La crescente anticipazione di un giro di vite normativo contro i prodotti DeFi ha portato ad un’ulteriore pressione sul lato della vendita dei libri degli ordini di UNI. Il prezzo UNI da allora è sceso di oltre l’8% per negoziare a 3,986 dollari durante l’orario di stampa.

Top